Ci sono persone che bisogna assolutamente incontrare nella vita. Ci fanno del bene. Quello che dicono, ciò che hanno fatto o non fatto. Raymond Carver è una di queste persone. I racconti, le sue poesie, sono fedeli trasposizioni di vita interiore, dei pensieri e delle scelte che l’hanno attraversato per l’intera esistenza. Perciò è necessario incontrarlo. La lettura interpretativa proposta da Nicola Ferrari (psicopedagogista e fondatore dell’associazione Maria Bianchi) e Maurizio Padovani (volontario dell’associazione Maria Bianchi e voce narrante), presso la Libreria Feltrinelli, ha inteso mostrare agli ascoltatori, attraverso le parole dello scrittore, ciò che è stato letto e raccontato, per creare emozioni, immagini e riflessioni riguardo l’argomento della perdita e del lutto. Il prezioso incontro è continuato dopo la coinvolgente lettura, da una libera condivisione di testimonianze personali sulle esperienze di lutto.

Le fotografie sono di Mary Corradi

 

About the Author
Maria Angela Gelati, storica, tanatologa e blogger de Il Fatto Quotidiano. Si occupa da oltre vent’anni di ricerca e sviluppo della tanatologia e da circa dieci di Death Education. Come docente collabora al Master Death Studies and the End of Life (Università degli Studi di Padova) e alla formazione professionale in ambito funerario, sanitario e scolastico. Tra le sue pubblicazioni: L'albero della vita (Mursia, 2015); Ci sono cose che (Diritto d’Autore, 2012); Scritture per un addio (Il Ponte Vecchio, 2008); All’ombra dei dolenti. Guida alla ritualità commemorativa fra tradizione e modernità (CSO, 2004).

Leave a Reply

*

captcha *