Still Life è un film del 2013, scritto, diretto e prodotto da Uberto Pasolini. La pellicola, presentata alla 70ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, ha vinto il premio per la miglior regia nella sezione “Orizzonti”.

Il protagonista, John May, è un solitario funzionario comunale, il cui lavoro consiste nel rintracciare i parenti più prossimi delle persone morte in totale solitudine. May svolge il proprio lavoro con estrema meticolosità, conducendo una vita tranquilla e ordinaria, fatta di ossessivi rituali, fino a quando gli sarà affidato il caso di Billy Stoke, una persona alcolizzata, morta in solitudine a pochi passi da casa sua.

Il film è stato introdotto da Michele Guerra (Università degli Studi di Parma).

 

 

About the Author
Maria Angela Gelati, storica, tanatologa e blogger de Il Fatto Quotidiano. Si occupa da oltre vent’anni di ricerca e sviluppo della tanatologia e da circa dieci di Death Education. Come docente collabora al Master Death Studies and the End of Life (Università degli Studi di Padova) e alla formazione professionale in ambito funerario, sanitario e scolastico. Tra le sue pubblicazioni: L'albero della vita (Mursia, 2015); Ci sono cose che (Diritto d’Autore, 2012); Scritture per un addio (Il Ponte Vecchio, 2008); All’ombra dei dolenti. Guida alla ritualità commemorativa fra tradizione e modernità (CSO, 2004).

Leave a Reply

*

captcha *