inaugurazione-1La decima edizione de Il Rumore del Lutto si è aperta con una riflessione sul tema della spiritualità nelle strutture sanitarie. L’accoglienza in esse, infatti, sarebbe incompleta se non si desse spazio all’affiancamento umano e spirituale, corrispondente al vissuto culturale e religioso specifico del paziente. Non solo: nell’accoglienza la dimensione spirituale ha un grande ruolo terapeutico, per pazienti e personale sanitario, perché valorizza la funzione di conforto e di consolazione e perché implicitamente riconosce ed annuncia che il paziente non si riduce ad una “cosa” biologicamente organizzata da riparare e manipolare.

Il seminario – inaugurato con Maria Angela Gelati e Marco Pipitone  e continuato con Alessandro Bonardi, Erika Bucher, Maria Luisa Rita Caspani, Luigi De Salvia, Francesco Ghisoni, Duilio Manara, Ines Testoni, Murekabiri Urimubenshi - ha dato voce a professionisti impegnati da anni nel contesto sociosanitario e del welfare nazionale ed europeo, per promuovere atteggiamenti culturalmente competenti e conoscenze attinenti la spiritualità dei pazienti, in grado di facilitare le relazioni tra le istituzioni sociosanitarie e del welfare e i potenziali utenti.

Con il Patrocinio dell’Università degli Studi di Parma

Con il Patrocinio dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma e Ausl Parma

 Nella fotografia (di Roberto Venturini), i curatori della manifestazione

About the Author
Maria Angela Gelati, storica, tanatologa e blogger de Il Fatto Quotidiano. Si occupa da oltre vent’anni di ricerca e sviluppo della tanatologia e da circa dieci di Death Education. Come docente collabora al Master Death Studies and the End of Life (Università degli Studi di Padova) e alla formazione professionale in ambito funerario, sanitario e scolastico. Tra le sue pubblicazioni: L'albero della vita (Mursia, 2015); Ci sono cose che (Diritto d’Autore, 2012); Scritture per un addio (Il Ponte Vecchio, 2008); All’ombra dei dolenti. Guida alla ritualità commemorativa fra tradizione e modernità (CSO, 2004).

Leave a Reply

*

captcha *