Schermata 2018-01-25 alle 11.08.46Femminicidio è il vocabolo coniato dalla criminologa statunitense Diana Russell, nel 1992 anche se in Italia l’utilizzo di questo concetto è recente. L’invenzione del nuovo termine sottende l’esigenza di indicare una particolare forma di violenza perpetrata nei confronti dell’universo femminile. Una violenza legata alla loro identità di genere. In Italia il femminicidio è la causa principale della morte di donne tra i 14 e i 45 anni e la percentuale più alta di tale insopportabile forma di brutalità si registra in Lombardia, Emilia Romagna, e Veneto. L’incontro formativo – in collaborazione con Ordine nazionale dei giornalisti e dell’Emilia Romagna e il Centro Antiviolenza di Parma Onlus – ha inteso ragionare sul tema, per saper esporre e trattare un caso di femminicidio nel rispetto del dolore, delle donne e delle vittime che spesso sono bambini o adolescenti, che porteranno dentro di sé questo dolore per sempre. Senza dimenticare che ciò che si scrive rimane per sempre nel mondo virtuale.

About the Author
Marco Pipitone, fotografo presso il laboratorio fotografico del Centro Studi e Archivio della Comunicazione di Parma. Lavora come Dee Jay nei circuiti alternativi italiani: dal Fuori Orario di Reggio Emilia all’Estragon di Bologna. Da diversi anni è giornalista pubblicista e si occupa nello specifico del mondo musicale. Attualmente collabora con Gazzetta di Parma e Il Fatto Quotidiano per il quale cura un blog da lui ideato: “9 canzoni 9 … di Marco Pipitone”.

Leave a Reply

*

captcha *