La rappresentazione teatrale parte da un episodio autobiografico: è la storia del protagonista e del suo rapporto con la nonna che non c’è più. Ma il modo in cui ci raccontiamo l’assenza crea la presenza: è la vita, fatta di crescita, aspettative, gesti ripetuti all’infinito. Quante volte, riguardando dei vecchi oggetti, ripensiamo a tutte le cose che abbiamo fatto durante il corso della vita. I ricordi di sogni e avventure che avremmo voluto affrontare “cavalcando l’onda” dell’entusiasmo. La maglietta e i guanti da portiere che indossavamo sognando, un giorno, di portarli durante una partita in un grande stadio, ma anche quella fisarmonica regalata dal nonno che non siamo mai riusciti a suonare. Il nostro giocattolo preferito, finito in cantina, oppure quella bambina della classe di fronte che non siamo mai riusciti a conquistare. Di questo e altro, il nostro personaggio ha trattato durante lo spettacolo diretto dall’attore teatrale e musicista Mario Mascitelli. Spettacolo che non vuole essere malinconico, ma piuttosto ironico sulle aspettative che si hanno da bambini o che i grandi, hanno su di noi. Una messa in scena che fa gioire i bambini del proprio momento di crescita, che va vissuto come momento “speciale” da ricordare e annoverare tra le esperienze più belle un giorno che verrà. Ma anche una riflessione per i più grandi sulle aspettative che, inevitabilmente, si hanno verso quelle che riteniamo nostre creature e in cui riversiamo sogni mancati o realizzati del nostro status di adulto.

Un’infinita serie di ricordi ha avvolto il pubblico come una coperta calda, regalando un sorriso sul viso a tutti i presenti presso il Teatro del Cerchio, il 1 novembre.

About the Author
Maria Angela Gelati, storica, tanatologa e blogger de Il Fatto Quotidiano. Si occupa da oltre vent’anni di ricerca e sviluppo della tanatologia e da circa dieci di Death Education. Come docente collabora al Master Death Studies and the End of Life (Università degli Studi di Padova) e alla formazione professionale in ambito funerario, sanitario e scolastico. Tra le sue pubblicazioni: L'albero della vita (Mursia, 2015); Ci sono cose che (Diritto d’Autore, 2012); Scritture per un addio (Il Ponte Vecchio, 2008); All’ombra dei dolenti. Guida alla ritualità commemorativa fra tradizione e modernità (CSO, 2004).

Leave a Reply

*

captcha *