16 dic 2017

teatro-sipario-okkkL’evento, che si è svolto tra musica e lettura, coincide con “quel viaggio nel dolore che richiede nella sopravvivenza un continuo accordo” che attribuisca un senso e un itinerario consapevole e proprio al dolore che non è sempre e solo un’esperienza così immediata e diretta come potrebbe sembrare. Nella società contemporanea si sono purtroppo, troppo spesso, persi scenari e situazioni capaci di dare un senso al lutto e alla sofferenza, nella ricerca di salvezza e fedeltà alla terra. Ricucire lo strappo della perdita e recuperare nel dolore la capacità di ascoltarsi nel “rumore del lutto” e nel ritmo-respiro personale di ogni sofferenza è impronta fondamentale e traccia di consapevolezza di se e della propria immagine nel mondo. In linea con gli obiettivi della rassegna la serata ha proposto momenti di ri-Sentimento atti a rieducare il dolore proprio e personale come bagaglio di esperienza peculiare e autentica. Tra le letture abbiamo ascoltato il saluto di Dante Maggiali, contadino, alla moglie Anita Piazza, contadina e guaritrice dell’Appennino.

About the Author
Marco Pipitone, fotografo presso il laboratorio fotografico del Centro Studi e Archivio della Comunicazione di Parma. Lavora come Dee Jay nei circuiti alternativi italiani: dal Fuori Orario di Reggio Emilia all’Estragon di Bologna. Da diversi anni è giornalista pubblicista e si occupa nello specifico del mondo musicale. Attualmente collabora con Gazzetta di Parma e Il Fatto Quotidiano per il quale cura un blog da lui ideato: “9 canzoni 9 … di Marco Pipitone”.

Leave a Reply

*

captcha *